La punta del cammello smetterà mai di essere un tabù?

Principale Altro

La tendenza dei pantaloncini da bici, che sembra essere stata quasi inevitabile nelle ultime due estati, potrebbe avere molti vantaggi, tra cui inchiodare l'estetica sporty-chic. Ma per molte persone che hanno la vulva, ce n'è una, lampante , rovescio della medaglia: la possibilità strisciante di una punta di cammello e l'inevitabile imbarazzo del corpo che ne deriva.





Paragonato alla scollatura del cavallo di Dizionario urbano , una punta di cammello, per quelli di voi che non lo sanno, si verifica quando il contorno delle labbra (le labbra di una vulva) diventa visibile attraverso indumenti che si adattano strettamente al cavallo, come leggings, tute o indumenti da palestra. A differenza della stampa del cazzo, l'equivalente per gli uomini cis e le persone mon-binarie che presentano un maschio che è presente in modo prominente nei meme su pantaloni della tuta grigi , o il rigonfiamento che è onnipresente nella pubblicità della biancheria intima maschile, la punta del cammello lo è non visto come un sex symbol. Invece, come un numero qualsiasi di rastrellamenti di file le peggiori dita dei cammelli delle celebrità attesto, anche la minima esibizione delle tue labbra è vista come l'opposto: sporca, imbarazzante e del tutto poco chic.

Le persone con la vulva sono state svergognate per secoli, incoraggiate a nascondere i loro corpi e giudicate duramente da ristretti standard di bellezza, ma da dove viene il tabù contemporaneo intorno alle dita dei cammelli? Come scrive Tracy Clark-Flory Jezebel , possiamo far risalire la divulgazione del termine (era già in uso alla fine degli anni '90) a A tarda notte con Conan O'Brien's Camel Toe Annie - una scenetta del 2001 con la protagonista Annie, un personaggio che credeva che gli uomini non dovessero essere gli unici a poter riempire la loro area inguinale. Scivolando sul palco in pantaloni di spandex, allestito come uno scherzo osceno, non sorprende che Annie abbia lasciato un'eredità di vulve beffarde sulla sua scia.



tutto quello che voglio fare è mia

Dopo Conan O'Brien era Fannypack, una band femminile il cui singolo del 2003 Cameltoe ha chiesto, 'È la tua ragazza affamata di cavallo? / 'Perché ti sta mangiando i pantaloni' . Poi, è arrivata una piaga di articoli di artisti del calibro di Marie Claire su come risolvere il disastro della moda, così come la critica denigratoria di punta di cammello chic da artisti del calibro di Il guardiano giornalista Hadley Freeman - che ha visto l'ubiquità della tendenza dei leggings degli anni '50 come una sfida sottilmente mascherata per mostrare il più possibile la tua anatomia.



La misoginia interiorizzata della stampa di moda degli anni 2000, che aveva i suoi occhi scintillanti puntati sull'inguine delle persone che hanno la vulva, sembra aver preparato la scena per l'iper-sorveglianza delle donne e dei corpi di persone non binarie anche per tutti gli anni 2010. I giornalisti dei tabloid hanno catturato avidamente scorci di celebrità in vacanza, si sono avvicinati al contorno dei loro slip bikini e, in risposta alla crescente consapevolezza, le aziende opportuniste hanno persino iniziato a fare marketing correttore punta di cammello - inserti in silicone riutilizzabili per aiutare a ridurre la visibilità della vulva.



Il correttore è una cosa, ma la vergogna della punta di cammello può persino portare le persone a un intervento chirurgico, in particolare la labiaplasty. Comunemente indicato come chirurgia della vagina di design insieme alla vaginoplastica (serraggio vaginale), questa procedura ginecologica cosmetica comporta l'accorciamento delle labbra interne in modo che siano più in linea con le labbra esterne, di solito sotto un'estetica locale o talvolta generale. Nel 2013, l'International Society of Aesthetic Plastic Surgeons ha registrato un aumento del 109% delle procedure di labiaplasty rispetto all'anno precedente, con la domanda che continua a crescere fino all'appiattimento nel 2018.

Possiamo tracciare dei collegamenti tra la cultura della vergogna che circonda le dita dei cammelli e questo forte aumento degli interventi chirurgici globali di labiaplasty negli anni 2010? Secondo Dott.ssa Angelica Kavouni , il chirurgo 'di riferimento' del Regno Unito per la labiaplasty, il numero di persone sotto i ferri è in aumento ma non necessariamente a causa della vergogna della punta di cammello. La labiaplastica è diventata sempre più popolare negli ultimi cinque anni a causa della maggiore consapevolezza della procedura di labiaplasty, dice il dottor Kavouni a Dazed Beauty, prima di attirare l'attenzione sul fatto che; Molte donne possono soffrire fisicamente e psicologicamente di labbra ipertrofiche (più lunghe o più spesse di ciò che è considerato normale).



Non esiste la dimensione o la forma giusta per le tue labbra ma, come sottolinea il dott.Kavouni, a volte le persone con labbra più grandi riferiscono disagio durante il sesso e l'esercizio. Riferisce un aumento di dieci volte negli individui tra i 20 ei 30 anni che richiedono un intervento di chirurgia plastica per questo motivo, non per ragioni estetiche. Il professor Isaac Manyonda , consulente e professore di ostetricia e ginecologia, racconta però una storia leggermente diversa. Il professor Manyonda dubita che l'intervento chirurgico sia davvero è diventare più popolare, invece mantenerlo; la domanda certamente esiste, ma non so se sia cambiata. Ma dalla sua esperienza, piuttosto che essere motivata dal disagio fisico, la motivazione principale per la labiaplasty è cosmetica; la maggior parte delle persone richiede questo intervento esclusivamente perché a loro stessi non piace l'aspetto (delle labbra).

La maggior parte delle persone richiede questo intervento esclusivamente perché a loro stessi non piace l'aspetto (delle loro labbra) - Professor Isaac Manyonda, ginecologo

sul tuo segno (1995)

Ma mentre sono in gran parte gli adulti che rimediano all'insoddisfazione per le loro labbra attraverso un intervento chirurgico, il disagio del corpo intorno alle dita dei cammelli inizia molto prima, con i giovani che ricevono messaggi negativi negli ambienti sociali, non solo nei media. Blogger e speaker di sesso e relazioni Re di Tatyannah può ricordare di aver sentito parlare della punta di cammello per la prima volta quando era un'adolescente al liceo, da ragazzi della sua classe che stavano commentando in modo udibile il suo corpo. Ho sentito alcuni ragazzi parlare di quali ragazze avevano i mozziconi più grandi e le dita dei cammelli nei loro leggings, ricorda King. Quando ho sentito il mio nome nella conversazione, ho immediatamente cercato la definizione su Urban Dictionary e sono rimasta a bocca aperta; Non sapevo che le persone prestassero così tanta attenzione al modo in cui le vulve appaiono nel materiale sottile.

Allo stesso modo, Beth Ashley , una scrittrice di sesso, femminismo e cultura queer, ricorda che la sua introduzione al termine era da parte di ragazzi che valutavano apertamente chi aveva (una punta di cammello) durante le lezioni di educazione fisica durante il settimo anno. Ashley spiega che questo tipo di comportamento, anche se potrebbe non sembrare molto grave per le persone dietro di esso, può avere un impatto negativo di lunga data; Sono quelle orribili battute inglesi da ragazzine a prendere per il culo qualcuno per avere un dito del piede di cammello quando in realtà questo sta solo creando uno stigma vergognoso molto presto, il che è così sfortunato.

Ma, come tutte le cose, lo stigma della punta di cammello non discrimina allo stesso modo. Come spiega King, le donne nere e le persone nere AFAB non binarie, già oggettivate dai media e soggette a una lunga storia di controllo del corpo, sono giudicate più duramente per avere una punta di cammello visibile. Ci sono sicuramente sfumature razziste su come le persone potrebbero guardare dall'alto in basso una donna nera con una punta di cammello, o equipararla a qualcosa di ipersessuale, afferma King. (Soprattutto perché) Le donne nere hanno maggiori probabilità di essere oggettivate rispetto alle altre razze.

Sfortunatamente ho visto molte donne grasse aggredite verbalmente in pubblico per avere una punta di cammello, con persone che ridevano e commentavano i loro corpi come se non fossero nemmeno lì. Non credo che le persone che lo fanno si rendano nemmeno conto di quanto sia spaventoso per qualcuno fare un commento sui tuoi genitali - Beth Ashley, scrittrice

Allo stesso modo, Ashley sottolinea che la vergogna delle dita dei cammelli è anche molto più grave per le persone di taglia grande. È abbastanza difficile essere una donna o una persona queer in un corpo di taglia grande, ma se hai una punta di cammello o una FUPA (zona pubica superiore grassa) aggiunge quello strato extra di qualcosa da attaccare da persone che sono in corpi magri o persone che sono in corpi maschili cis, dice. Sfortunatamente ho visto molte donne grasse aggredite verbalmente in pubblico per avere una punta di cammello, con persone che ridevano e commentavano i loro corpi come se non fossero nemmeno lì. Non credo che le persone che lo fanno si rendano nemmeno conto di quanto sia spaventoso per qualcuno fare un commento sui tuoi genitali.

La paura del tipo di attacchi verbali disumanizzanti su cui Ashley attira l'attenzione, diretti con maggiore frequenza a persone di taglia grande, donne e persone di colore non binarie, è ciò che rende la punta di cammello un motivo di profonda vergogna per molti. In questo contesto tossico, cosa si sta facendo, se non altro, per reclamare il cameltoe? Se guardiamo ai settori dei media e dell'intrattenimento, solo appena cominciando a sondare l'idea che non esistiamo tutti solo per lo sguardo maschile cishet - sembra certamente che non si stia facendo molto.

la chiesa battista di westboro diventa di proprietà

Allo stesso modo, le celebrità non sono esattamente in fila per dichiararsi a sostegno della causa della punta del cammello e di quella ha potrebbe essere una sorpresa (almeno se non hai familiarità con PER parlare con i Kardashian ). Con il suo debole per la vendita di tè a pancia piatta, Khloe Kardashian non è esattamente un'icona positiva per il corpo. Ma sarebbe un disservizio ignorare i suoi sforzi per cancellare lo stigma della punta di cammello. Khloe, che per prima ha chiamato la sua punta di cammello Camille il cammello in un post di Instagram del 2015, prima di fare il conto alla rovescia proprio i momenti migliori della punta del cammello e la scrittura si spostano su #FreeTheNipple, è tutto su #FreeTheCamelToe !!! ' in un post del blog ora eliminato , sembrerebbe essere decisamente pro-cammello.