Il costo emotivo della ceretta su tutto il corpo

Principale Altro

Ricordo la prima volta che ho sentito un commento sui miei peli del corpo dietro la schiena, Hairy Mary! Hairy Mary! Avevo circa nove o dieci anni. Era, ovviamente, un gruppo di ragazzi a scuola. Era uno di quegli insulti che si incunea da qualche parte nella tua mente e informa chi diventi in seguito. Per tutte le volte in cui ho ricevuto un complimento per le mie ciocche folte e lucenti o le mie ciglia lunghe e le sopracciglia folte, posso ricordare altrettante volte in cui ho dovuto nascondere le mie mani pelose a uno sconosciuto sul tubo per evitare di vedere il disgusto nei loro occhi.





Mia madre ha fatto la sua prima ceretta quando aveva dodici anni, ma sapeva che non potevo aspettare così a lungo, quindi pochi mesi dopo l'incidente a scuola mi ha portato a provarlo anche io. Ho tenuto i miei pantaloncini da ginnastica per modestia mentre il tecnico ha applicato la cera calda e appiccicosa sulle cosce di pollo di mio figlio. Lo sentii indurirsi e rimpicciolirsi e poi lei lo tirò abilmente con un gesto della mano per rivelare la mia pelle liscia come la seta sotto, pelle di cui avevo quasi dimenticato il colore olivastro. Ero così eccitato che non riuscivo a sentire alcun dolore. Il giorno dopo a scuola tutte le ragazze volevano toccarmi le gambe e fare domande. Mi piaceva essere al centro dell'attenzione e distribuire conoscenza.

Le mie prossime volte non furono fluide come le prime. Dopo che l'eccitazione iniziale è svanita e i miei testardi capelli greci scuri hanno iniziato a resistere al trattamento di rimozione, ho lottato molto di più con il dolore. Sarei stato pieno di paura per l'intera giornata in cui avevo un appuntamento per la ceretta e posso ricordare chiaramente un momento in cui le mie gambe tremavano in modo incontrollabile e quasi cedevano durante una sessione perché non riuscivo a sopportare il dolore. Tuttavia, le ho detto di andare avanti. L'alternativa; essere un dodicenne coperto di peli sul corpo era peggio. Quando sono uscito dal salone glabro, sapendo che avrei potuto indossare quello che volevo, mi sono sentito più leggero.



'Sono diventato dipendente dalla sensazione di essere glabro, dipendente dalla persona in cui mi sono trasformato quando la mia pelle era liscia.'



Ora, guardando indietro, separo la mia vita in pre e post cera. Sono diventato dipendente dalla sensazione di essere glabro, dipendente dalla persona in cui mi sono trasformato quando la mia pelle era liscia.



Nella storia moderna i primi annunci di depilazione possono essere trovati nelle pubblicazioni di moda femminile come Harper's Bazaar. Negli anni '20, le tendenze della moda hanno visto gli orli alzarsi e le maniche accorciarsi. Ciò ha posto un problema con i corpi delle donne. I capelli un tempo nascosti dai vestiti erano ora in mostra. E così, in discorsi intimi - come per prendere in prestito dal testo di questi annunci - la pubblicazione consigliava alle donne di utilizzare il rasoio di sicurezza Gillette di nuova creazione per mantenere l'ascella bianca e liscia, come ritenuto attraente.

Negli anni che sono seguiti, questa norma si è mantenuta in Occidente, salvo la manciata di volte che un'estetica femminista senza capelli si è diffusa tra le donne. Nella seconda ondata del femminismo degli anni '70 le donne hanno iniziato a guardare a questioni che si concentrano maggiormente sul sé, come la sessualità e i diritti riproduttivi o le disuguaglianze sul posto di lavoro. Le donne sono state incoraggiate ad affermare la loro posizione come individui, guardando indietro ai ruoli che hanno assunto durante la seconda guerra mondiale e rinunciando alla domesticità che prevaleva negli anni '60. Ciò si rifletteva immensamente sul loro aspetto esteriore con i peli del corpo che giocano un ruolo importante in questa affermazione: il cespuglio pieno e selvaggio è una firma dell'epoca. Nella quarta ondata di femminismo, un movimento che ha ampiamente giocato online, i sostenitori dei peli del corpo come Ashley Armitage e Arvida Bystrom sono stati accolti con critiche diffuse per aver pubblicato foto delle loro gambe e ascelle pelose, solo per contrattaccare facendolo di nuovo, e ancora. Con Instagram e hashtag come #LesPrincessesOntDesPoils (#PrincessesHaveHair) che ha scatenato una conversazione più ampia all'inizio del 2017 e, più recentemente, #JanuHairy, la visibilità dei modelli di ruolo con i peli del corpo è aumentata di dieci volte.



Peluria5

Certo, non avrei dovuto saperlo quando avevo quattordici anni, l'età in cui ho iniziato i trattamenti laser per il viso e le ascelle, cosa che ho continuato a fare per un paio di anni costantemente. Il processo è stato incredibilmente efficace ma anche insopportabilmente doloroso, e mentre si dice che dopo che i capelli si indeboliscono il processo diventa meno scomodo, non ho notato molta differenza, tranne per il fatto che avevo bisogno di più tempo tra i trattamenti. Allo stesso tempo ho iniziato a cerare anche le braccia. Prima ha fatto i miei avambracci. Ma quando ha raggiunto le mie spalle ho capito che le mie braccia non combaciavano con il resto del mio corpo. Quindi l'ho esortata. Anche il mio stomaco e il mio petto erano coperti da una peluria scura; Avevo trascorso l'intera estate ostinatamente a sfoggiare un tankini, che non era solo un fiocco anni '00, ma anche una necessità per coprire il mio corpo peloso. Volevo che se ne andasse, tutto quanto.

Trasferirmi da Cipro al Regno Unito quando avevo diciotto anni è stato uno dei più grandi shock culturali della mia vita per molti versi. Ma gran parte di ciò riguardava il prezzo dei trattamenti di epilazione e il dover abbandonare qualcosa che facevo regolarmente per la maggior parte della mia vita. Tornato a casa, dove la ceretta è incorporata nella cultura per necessità, spenderei un massimo di € 75 (circa £ 65 nell'economia di oggi) per far cerare tutto il mio corpo da tecnici rispettabili in saloni di lusso. Lo stesso trattamento in un salone dello stesso livello a Londra sarebbe costato fino a 200 sterline, quasi quattro volte quello che ero abituato a pagare. Essendo alla scuola di moda, nel bene e nel male il mio aspetto è naturalmente una delle mie preoccupazioni principali. Chiunque abbia parlato con chi ha vissuto qui per tutta la vita si avvicina alla ceretta come a questo tipo di lusso che comporta principalmente la linea bikini o una Hollywood completa se ti senti di fantasia, forse anche le gambe se parti per l'estate . Per me era già una necessità, qualcosa su cui mi sentivo psicologicamente rilevante, e senza di essa sapevo che avrei dovuto indossare cardigan in piena estate.

'Per dover combattere costantemente chi sei creato questo circolo vizioso di sentirsi insoddisfatti e incredibilmente insicuri.'

Vivendo a Londra con il reddito al dettaglio part-time di uno studente, è praticamente impossibile mantenere un programma di ceretta regolare. Inoltre, i tecnici qui non hanno esperienza con la ceretta in determinate aree come il petto o le spalle di una donna. Ho provato molti saloni di bellezza affidabili e costosi eppure ho dovuto ancora affrontare tagli da infilare o terribili eruzioni cutanee sulla schiena per aver tirato una striscia nel modo sbagliato. Il peggiore in assoluto è stato quando una spa è riuscita a lasciarmi con lividi rosso violacei all'interno dei gomiti e delle ascelle. Non è solo l'umiliazione di dover stare sdraiati lì, seminudi, sopportando il dolore, è la consapevolezza che questa persona che ti ha ferito per qualcosa che dovrebbe essere il suo lavoro verrà profumatamente pagata per questo. E il panico crescente che questo livido potrebbe finire per lasciare un segno indelebile.

Queste esperienze in gran parte traumatiche sono servite collettivamente come un campanello d'allarme, da allora ho cercato di ridurre al minimo le mie visite e il risultato di alternative - ora mi rado solo le gambe usando olio d'oliva invece di crema da barba perché ho scoperto che previene i peli incarniti. E dopo anni di osservazione dei tecnici che mi eseguono la ceretta, ora so come muovermi con una striscia Veet e posso fare i miei baffi dalla comodità del mio bagno.

Il dover costantemente combattere chi sei ha creato questo circolo vizioso di sentirsi insoddisfatti e incredibilmente insicuri a causa di qualcosa che era essenzialmente al di fuori del mio controllo. Mi ha portato a rivalutare il modo in cui guardo il mio corpo, questo posto che ho passato anni a curare, a sottolineare e ad aumentare alla perfezione. Mi ha portato a pensare a questioni di fiducia, alle persone con cui esco e al modo in cui condivido qualcosa con loro che è la fonte della mia più grande insicurezza. Mentre sto ancora imparando ad accettare me stesso e il modo in cui guardo ed esploro la mia sessualità, anche se non ho un'immagine coerente di me stesso che proietto al mondo, so che c'è ancora molta strada da fare. Gran parte di ciò è dovuto al fatto che i media mainstream continuano a rappresentare questa immagine impeccabile e aerografata di come dovrebbe essere una donna. Nelle pubblicità, le donne sono lucide e senza peli. Nel porno, vediamo il corpo femminile raffigurato quasi interamente come glabro a meno che non sia nelle categorie fetish abbastanza oscure. I capelli sul corpo femminile sono una delle soglie finali in cui il patriarcato ha la sua presa bella e stretta sulle donne, quindi mentre stiamo facendo passi nella giusta direzione nel rappresentare corpi diversi, attraverso modelli di ruolo visibili e vari hashtag, solo un'ascella non rasata non lo farò più. Non è possibile. La novità è svanita. Abbiamo bisogno di gambe, braccia o stomaci pelosi.