Il Berghain di Berlino riapre al pubblico con una mostra di suoni surreali

Principale Vita E Cultura

Dopo aver annullato tutti gli eventi a causa della pandemia di coronavirus a marzo, il Berghain ha riaperto, ma non come lo sapete. Cioè, l'iconico club di Berlino non si rivolge ancora alla sua solita folla in discoteca, ma ospita invece una nuova installazione di sound art, Undici canzoni - Sala del Berghain .





Un paesaggio sonoro surreale che incorpora rumori cittadini, mormorii e pale di elicotteri, Undici canzoni - Sala del Berghain (immaginato dal duo Tamtam: Sam Auinger e Hannes Strobl) è ospitato all'interno e progettato specificamente per la cavernosa Kessel Hall del Berghain.

Ascolti, fai esperienza, puoi chiudere gli occhi o lasciarli aperti e seguire il suono attraverso la stanza, dice Carsten Seiffarth, curatore con sede a Berlino e direttore della galleria d'arte del suono Singuhr. Si tratta anche di fare un'esperienza con questa stanza e provare emozioni che vanno oltre il semplice ascolto.



Per rispettare le linee guida di distanziamento sociale, solo 50 persone alla volta sono ammesse alla mostra (anche se, fortunatamente, i visitatori non devono preoccuparsi di essere ammessi, dato che non c'è il portiere). Non sorprende che ci siano già code per entrare.



Undici canzoni - Sala del Berghain rimarrà al superclub fino al 2 agosto.