Quale nuova serie di Netflix She's Gotta Have It è sbagliata

Principale Film & Tv

Qualsiasi critica al nuovo Lei deve averlo show dovrebbe riconoscere che il film originale è il più grande rimpianto della carriera di Spike Lee. Nola Darling e il suo insaziabile appetito sessuale per uomini e donne erano una premessa lungimirante, ma un dettaglio persistente ha distrutto il regista. Alla domanda sui suoi più grandi rimpianti per la sua impressionante carriera, Lee, che ora ha 60 anni, ne ha uno: la scena dello stupro in Lei deve averlo .





Nell'originale, Jamie Overstreet, una delle amanti di Nola, è frustrata dalla sua mancanza di impegno e la sopraffà a casa sua, chiedendole se è bravo come gli altri suoi amanti. Viene punita per la sua libertà sessuale, scarica gli altri uomini per il suo stupratore, prima di tradirlo con altri uomini - tutto nel nome del tentativo di trasmettere che la monogamia è schiavitù. È una portata.

Desideroso di rimediare ai suoi errori passati, la nuova serie è il suo modo di aggiornare la storia in modo che risuoni oggi. Ma qui sta uno dei maggiori problemi con la serie: sta andando indietro per far avanzare la conversazione. A volte sembra che stia cercando di recuperare il ritardo, soprattutto perché è letteralmente ambientato nel 2016.



Questo avrebbe potuto e dovuto essere buono ma, alla fine, ci sono troppi buchi, troppi monologhi e troppe cose per me da superare per godermelo davvero. Come l'originale, aveva tutti gli ingredienti per essere un buon spettacolo ma è stato eseguito male, fino al carattere simile a Word Art e ai colori contrastanti del testo sullo schermo che è inspiegabilmente nel caso del titolo.



Il contrasto tra Lei deve averlo e impostare davvero l'agenda per la femminilità e la sessualità femminile di colore sullo schermo. Abbiamo avuto l'esilarante esplorazione della fase della zappa in Issa Rae's Insicuro , repressione sessuale nelle famiglie religiose nere in Gomma da masticare , prima di allora avevamo Kerry Washington come centrale elettrica in Scandalo e Gabrielle Union's Essere Mary Jane .



Ecco tutte le cose che avrebbero dovuto essere buone per il riavvio che alla fine non lo sono:

CONDUTTORI FEMMINILI DI SPINTA DEL CONFINE

La New Age Nola è ancora anti-monogamia. Sta vedendo tre uomini e una donna. Lo spettacolo fa un buon lavoro nello smascherare le idee sbagliate comuni sulle donne che hanno più partner sessuali: non ha problemi con il padre e ha una vita domestica molto stabile e funzionale, essendo cresciuta in un'armoniosa arenaria con due genitori artisti e un set ravvicinato di amici. Non le piacciono le etichette di una sola parola come freak, ma ne tira fuori alcune con facilità: è una pansessuale poliamorosa positiva per il sesso. Proprio come l'intero spettacolo, ci sono aspetti del personaggio principale che sembrano spuntare le scatole. I giovani spettatori vogliono vedere stili di vita alternativi, personaggi multidimensionali e relazioni realistiche, ma il poliamore di Nola è probabilmente meno sulla libertà sessuale e più sul suo egoismo incontrollato. Ad esempio, uno degli uomini era il fidanzato della sua amica e ancora la infastidisce.



POSITIVITÀ SESSUALE

Dall'episodio uno, è chiaro che gli uomini della sua vita non accettano davvero il suo stile di vita e vogliono essere esclusivi. Eppure continua a essere emotivamente non disponibile per loro mentre chiede che siano lì per loro sua emozioni costantemente. Il modo in cui tratta la sua amante lesbica Opal Gilstrap è orribile. È un tampone per quando Nola è stanca degli uomini, e non appena si sente meno fragile viene abbandonata. È in linea con il modo in cui prende a malapena in considerazione i desideri e le esigenze del suo partner. Fa di tutto per mettere a disagio i suoi partner sessuali: parlare con un altro amante al telefono mentre è a letto con Jamie, invitandoli tutti a trascorrere il Ringraziamento e competere per la sua attenzione, solo per poterlo annunciare lei è l'unico uomo che vuole e ama. Questo è decisamente sadico. Alla fine confonde la poliamore con la gola e la sua vita sessuale diventa un peso che sopporta piuttosto che gode.

ACCETTAZIONE DI SÉ

L'amica di Nola, Shemekka, è consapevole del suo piccolo culo (qualcosa con cui mi identifico veramente a livello spirituale) e come lo gestiscono gli sceneggiatori? La trasformano in uno scherzo. Come una sorta di cupa allegoria, la maltrattano, la mutilano e la umiliano. Nola, che trascorre la maggior parte della serie dicendo che odia le scatole in cui altre persone cercano di metterla, cerca di infliggere la sua visione di ciò che Shemekka è cambiando i suoi capelli nel ritratto da intrecciati ad afro. Nel momento in cui Shemekka è felice e pronta a ballare nel corpo in cui si sente a suo agio, viene trascinata di nuovo nelle profondità del tumulto personale quando si rovescia e il suo culo esplode. Non è chiaro se dovresti ridere o piangere. È una commedia o un dramma?

DIBATTITI SULLA GENTRIFICAZIONE

Lee ha un'ascia personale da macinare sulla gentrificazione di Brooklyn poiché sia ​​il film originale che questa serie sono ambientati nella sua terra natale. La sequenza del titolo in sé è una dichiarazione politica in quanto giustappone le immagini di Fort Greene 30 anni fa alle foto di oggi. Le crescenti tensioni tra i nativi neri e l'intruso della classe media bianca sono illustrate quando Papo, il senzatetto che pattuglia il quartiere con scarpe da ginnastica sospettosamente fresche di scatola e un certo numero di giacche pulite, viene attaccato. È un sostenitore della strada, ma la nuova vicina bianca Bianca, una cattiva pantomima, vuole che smetta di sedersi sui suoi gradini con il suo carrello. Bianca poi piange il razzismo inverso, una folla nera riunita geme all'unisono e alza le braccia - per un breve momento mi sembra di guardare uno spettacolo.

TRATTAMENTO DI GARA

Per tutti i commenti sociali sul trattamento dei neri, una scena prolungata con un tassista lascivo è un enorme passo falso. Sulla strada di casa l'autista inizia a gridare commenti inappropriati a Nola con un accento molto peggiore di Apu dei Simpson. Quindi quello che impariamo sulla razza è come i neri vengono maltrattati e travisati, ma che gli indiani sono un gioco leale. Ci sono anche alcune goffe raffigurazioni di persone di colore dalla pelle chiara e / o di razza mista. Un personaggio è così in conflitto sulla sua identità e posto in un mondo diviso che gira un video virale con i suoi compagni di scuola bianchi in faccia nera che rappano una raffica di n-parole alla telecamera per dimostrare la sua oscurità.

L'ATTIVISMO E L'USO DEI SOCIAL MEDIA DI QUESTA GENERAZIONE

Questo spettacolo è molto marcatamente basato sui problemi. Dopo essere stata rapita per strada, Nola intonaca la sua arte femminista in giro per la città e dichiara: Mi chiamo Nola Darling. Pace. Due dita. Hashtag BlackLivesMatter. È un po 'troppo, soprattutto perché nessuno dice hashtag nella vita reale. Inizia così l'abitudine della serie di bloccare in modo innaturale i dibattiti degli ultimi due anni in scene. Che si tratti di un dibattito femminista avuto con una tredicenne sui thots di Instagram o di una canzone incredibilmente lunga sulla vittoria di Trump e su come un vero clown ha ottenuto il codice nucleare. Il tema di ogni episodio è definito tra hashtag e parentesi, ad esempio #LuvIzLuv (SEXUALITY IS FLUID), #HeGotItAllMixedUp (DYSLEXIA) e #ChangeGonCome (GENTRIFICATION). Voglio dire, davvero.

irving penn moda della fotografia di moda